Menu
Vai ai contenuti

Hawker Fury (1931)

Mezzi Militari > Colorazioni / livree

Tutto modellismo
Hawker Fury (1931)
INSERISCI I TUOI ARTICOLI
Hawker Fury (1931)
Bookmark and Share
Italian version    23:12    19.03.2020
Il caccia monoposto Fury introdusse nuovi canoni di eleganza quando entrò in servizio nel maggio 1931 con la 43ª squadriglia della RAF, primo aereo da combattimento in grado di raggiungere la velocità massima di 200mph (124 km/h). La pulizia delle sue linee aerodinamiche celava la sua robustezza; le caratteristiche di velocità ascensionale e di picchiata erano particolarmente buone e presentava nuovi standard di controllabilità per i caccia della sua epoca. Il prototipo Fury - chiamato originariamente Hornet dal nome del suo fabbricante – volò per la prima volta nel marzo 1929 e furono consegnati alla RAF 118 di questi modelli iniziali, noti come Fury I. Quando fece il suo debutto il Fury II, una versione più potente e aggiornata, la RAF ne ricevette 112 esemplari.

Qualche aereo fu esportato in Iran, Portogallo, Sudafrica, Spagna e Jugoslavia: questi ultimi due paesi ottennero la licenza di produzione, sebbene, di fatto, solo la Jugoslavia produsse effettivamente i Fury in 50 esemplari nell'agosto del 1937. Nonostante fossero obsoleti, questi Fury furono utilizzati contro la Luftwaffe quando la Jugoslavia venne invasa dalla Wehrmacht nel 1941. Anche i Fury sudafricani combatterono nel 1940-1941 contro la Regia Aeronautica nell'Africa orientale. Nel corso del 1938, tutti i Fury rimasti alla RAF furono mimetizzati con uno schema mimetico frammentato verde scuro e marrone superfici superiori, mentre quelle inferiori erano metà bianche e metà nere (in qualche caso le superfici inferiori della fusoliera e dello stabilizzatore restarono color argento), ma all'inizio della 2° Guerra Mondiale il Fury era tutt'altro che scomparso dalla RAF.
 
(1) |Il secondo di tre Fury spagnoli con i colori repubblicani, che inizialmente avevano volato completamente dipinti color alluminio con strisce rosse sulle ali e sulla fusoliera.
(1a) Lo stesso aereo visto dall'alto.
(2) Fury I della 43 squadriglia, SAAF, 1942
(2a) le superfici superiori del medesimo aereo e
(2b) simbolo della 3 squadriglia, SAAF.


(3) Fury I (K5673) della squadriglia n.1 (F) a Tangmere, 1936-1937 e
(3a) l'emblema della 1° squadriglia.
(4) Uno dei tre Fury dell'Arma da Aeronautica portoghese, 1935. Notare il "levriero" simbolo dell'unità.
(5) Fury II della 43 squadriglia della RAF, 1938 e
(5a) emblema della 43 squadriglia della RAF.
(6) Fury costruito da Zmaj del 35° Gruppo, 5° Reggimento Caccia, Regia Aeronautica militare jugoslava, Kraljevo, aprile 1941. Questo aereo venne in seguito catturato a Niksic dalle forze italiane.
(7) Un Fury catturato dai nazionalisti spagnoli dopo essere stato ricostruito dalla Hispano-Suiza e (7a) dettaglio dei contrassegni dell'ala.





        
    



TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Recensisci
Nessun commento
WIP
Copyright ©2017-2020 Modellismo statico auto e moto, tutti i diritti riservati.
Seguici anche su
Copyright ©2017-2020 Modellismo statico auto e moto, tutti i diritti riservati.
Torna ai contenuti